Home

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”.

Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

News dal Mondo Solidale

Festa donazione di sangue 1

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

21557471 515761558764689 3310239303530459255 n

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

luttoSiamo a comunicarvi la triste scomparsa del Dott. Vittorio Pulvirenti, per tanti anni dirigente regionale. I funerali si terranno giorno 14/09/2017 alle ore 10.30 presso la chiesa dei Cappuccini. Il corteo funebre muoverà dall’abitazione del defunto in via Giordano Bruno n° 9. Uniti al dolore della famiglia, esprimiamo profondo cordoglio. 

Il Consiglio Direttivo e il Presidente Regionale.

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

0c9d7600-999c-4bac-8fe1-d3961ac6ff4e

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

IMG-20170704-WA0000

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

IMG-20170611-WA0042«Con piacere e con convinzione il Centro di Servizio per il Volontariato Etneo, con il suo Distretto Territoriale Enna 1, ha aderito all’organizzazione del Trofeo della Speranza, sostenendo la partecipazione e l’attività delle associazioni. Prevenzione del cancro, promozione dello sport, tutela delle persone con disabilità: sono aspetti diversi di un medesimo impegno che vede in prima fila molte organizzazioni di volontariato».

Sono le parole di Salvo Raffa, presidente del Centro di Servizio per il Volontariato Etneo, che ha sostenuto il Trofeo della Speranza, a Enna il 10 e l'11 giugno. Le associazioni aderenti hanno partecipato alla passeggiata della speranza per le vie del centro storico, per il CSVE presenti: Santo Carnazzo e Maria Letizia Altavilla, ospite d'eccezione Giusy Versace.

«Lo sport – è il messaggio del CSVE – è uno strumento formidabile di integrazione: sperimentare le proprie possibilità, anche da parte di chi porta nel corpo i segni di un trauma o di una malattia, mette tutti alla pari. Favorisce i rapporti con gli altri, sia nelle discipline di squadra che in quelle singole. Migliora le capacità fisiche e soprattutto rafforza l’autostima delle proprie possibilità. Ma praticare sport aiuta anche a mantenersi in forma, vivere meglio e prevenire un certo numero di patologie. Lo sport, insomma, è salute, fisica e morale. E aiuta tutti a comprendere meglio proprio la fortuna che si ha quando si sta bene: così, pure, ci motiva a prevenire i tumori attraverso la diagnosi precoce e attraverso il sostegno concreto alle organizzazioni che aiutano le persone ammalate e che fanno ricerca».

Il Distretto Territoriale del CSVE Enna 1, uno dei tre in cui è articolata la provincia, raccoglie 93 organizzazioni di volontariato del capoluogo e delle città più vicine.

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

IMG 0090

Sabato 10 e domenica 11, ha avuto luogo la VI edizione della tanto attesa manifestazione Fai il pieno di

salute, organizzata dall'Avis di Enna e che quest'anno è stata inserita all'interno del II Trofeo della

speranza. Le giornate di sensibilizzazione alla donazione del sangue e al volontariato, che hanno visto,

come sempre, protagonista il donatore, hanno avuto inizio già nel pomeriggio di sabato, in piazza Umberto I,

dove i volontari hanno accolto tutti coloro che hanno richiesto ricevere.

Alle 21:30, piazza Vittorio Emanuele ,ha fatto da cornice ad un

concerto che ha visto esibirsi sul palco diversi artisti locali, tra cui Erayah Mar, Isteresi, The opera e i Contro sax duo e con la straordinaria testimonianza di Giusy Versace. L'intera giornata di domenica, in piazza Umberto I, che in

occasione del II Trofeo della speranza, ha preso il nome di Piazzetta del volontariato e della

prevenzione, assieme all' ASP di Enna e al C.S.V.E (Centro Servizio Volontariato Etneo) , i volontari avisini

hanno fornito informazioni utili non solo sulla donazione del sangue, ma anche sulla prevenzione dei tumori.

La piazzetta del volontariato - con la presenza del personale medico dell'ASP, rappresenta il modo attraverso il quale si deve fare prevenzione , con tutte le informazioni utili che riguardano la tutela della salute". Tante le attività,

come ad esempio l'accensione da parte di Giusy Versace (testimonial del II trofeo della speranza ) della

fiaccola della speranza e l'esecuzione dell'inno nazionale da parte della banda comunale, seguita da una

gara podistica all'americana che ha visto sul podio due donatrici avisine: Sabrina Cusumano e Ylenia Cancaro.

Tutte le associazioni di volontariato

aderenti all'iniziativa hanno partecipato alla passeggiata della speranza, che si è tenuta alle 10:00 per le vie del centro storico.

L'obiettivo , oltre alla prevenzione , è stato quello di sostenere l' Airc e la sua ricerca, per combattere malattie

terribili e diffuse come il cancro.

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

0001

0002POLITICHE SOCIALI E CRESCITA CIVILE,  IN UN LIBRO
I DATI E LE CARATTERISTICHE DEL VOLONTARIATO IN SICILIA
La presentazione avverrà lunedì 19 giugno alle ore 9,30 presso l’auditorium Rai di Palermo

[PALERMO] Quale è lo stato di salute ad oggi del volontariato in Sicilia? Quale è la capacità di mobilitazione? Le relazioni che legano le organizzazioni tra di loro e con i diversi tipi di istituzioni locali? A questi quesiti risponde l’ultima ricerca svolta sul volontariato in Sicilia e pubblicata nel volume “Volontari in Sicilia. Un atlante ragionato” – edizione Giappichelli – che verrà presentato lunedì 19 giugno, alle ore 9,30, presso l’auditorium Rai di viale Strasburgo a Palermo. La ricerca è stata commissionata dai Centri di Servizio per il Volontariato (CSV) siciliani e dal Comitato di Gestione del Fondo speciale per il Volontariato Regione Sicilia (Co.Ge.).

LO STUDIO – La ricerca è stata condotta nel 2015 su dati raccolti proprio in quell’anno. L’esigenza dello studio è nata per analizzare, a oltre dieci anni dalla loro istituzione, lo stato dei rapporti tra CSV e mondo del volontariato organizzato, sia esso incluso nei registri regionali, sia esso non riconosciuto. Oltre la presentazione generale, sono approfonditi vari aspetti particolari, come la diffusione territoriale, la capacità di mobilitazione, la strutturazione economica, le attività svolte, le relazioni che legano le organizzazioni di volontariato tra loro e anche con diversi tipi di istituzioni locali. Il quadro che ne risulta è quello di un insieme di organizzazioni presenti in tutto territorio regionale, attive soprattutto localmente e capaci di proporre molteplici iniziative. Un quadro che, tuttavia, presenta anche elementi di fragilità diffusa: questi, nello specifico, verranno illustrati durante la presentazione di lunedì a Palermo. Quello che fornisce lo studio è un quadro aggiornato da cui non possono prescindere né la pianificazione delle politiche sociali, né i percorsi di crescita civile e di ampliamento dei luoghi di partecipazione, di cittadinanza attiva, di sviluppo della comunità.

GLI INTERVENTI – Alla presentazione di lunedì 19 giugno all’auditorium Rai di Palermo, interverranno: Vito Puccio, presidente CoGe Sicilia; Giuditta Petrillo, presidente CeSVoP; Santi Mondello, presidente CSV Messina; Salvo Raffa, presidente CSV Etneo; Raffaele Bonsignore, presidente Fondazione Sicilia; Carlo Vimercati, presidente Consulta nazionale dei CoGe; Nereo Zamaro, direttore D.R. Politiche Sociali Regione Lazio e curatore del volume; Antonino Anastasi, Università degli studi di Messina; Giuseppe Campana, dottore commercialista ed esperto del sistema dei fondi speciali per il volontariato; Salvatore Greco, Università degli studi di Catania. Le riflessioni conclusive saranno affidate a: Marco Musella, Università degli studi Federico II di Napoli; Carmencita Mangano, assessora regionale della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro; Stefano Tabò, presidente nazionale CSVnet.

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Cerca nel sito

Guests Online

Abbiamo 32 visitatori e nessun utente online

Radio Sivà

logo radio

Link istituzionali

Conferenza comitati consultivi

 cesvop

csve logoscritta

CeSV-Me

5 x 1000

5 per 1000 regionale3

Manuali Avis

carta etica

bilancio sociale sito.fw

Direttore Sanitario Pagina 01

Counselling

Associazioni amiche

382044 10151309028244490 45340095 n

@AVIS Sicilia